!-- Codice per accettazione cookie - Inizio -->

sabato 2 febbraio 2013

Rock in Rome, più Mark Lanegan che Billy Corgan

Mark Lanegan © Sam Holden


luca.goestowest@gmail.com 

Saranno anche le leggi del marketing ma chiamare ancora una band con il suo nome originale lì dove è rimasto solo il cantante e tre turnisti (poco ci manca) è alquanto strano e poco rispettoso verso chi ha fatto la storia del suddetto gruppo, ossia gli Smashing Pumpkins (analogo discorso per i Guns ‘n’ Roses).

I rockers di Chicago sono pronti a esibirsi live in Italia per un’unica data, domenica 14 luglio all’Ippodromo Capannelle in occasione dell’evento Rock in Roma, preceduti dalla Mark Lanegan Band.

Gli Smashing Pmnpkins sono stati una delle più importanti rock band della scena anni ’90, con oltre trenta milioni di copie vendute e numerosi Grammy Awards conquistati. La formazione originale vedeva il cantante/chitarrista Billy Corgan, il batterista Jimmy Chamberlin, James Iha alla chitarra e D'Arcy Wretzky al  basso, quest’ultima già sostituita nel biennio 1999-2000 dall’ex-Hole, Melissa Auf der Maur. Quattro gli album realizzati insieme. Dal disco di esordio Gish (1991), passando per la psichedelia di Siamese Dream (1993), arrivando alla fama mondiale del pluripremiato Mellon Collie And Infinite Sadness (1995), per poi congedarsi con le sonorità ancor più introspettive e sperimentali di Adore (1998).

Oggi invece, a fianco di Corgan ci sono Nicole Fiorentino (basso), Jeff Schroeder (chitarra) e Mike Byrne (batteria). La band presenterà per la prima volta “live” il settimo album Oceania (2012) che ha raggiunto in poche settimane la quarta posizione della Billboard chart ed è stato eletto tra i migliori 50 album dell’anno passato dall’importante magazine specialistico americano, Guitar World.

Ad aprire lo show, i Beware of Darkness, giovane formazione alternative americana. Special guest della serata, la Mark Lanegan Band. L’ex cantante degli Screeming Trees, da quasi 30 anni una delle voci più profonde del rock, presenterà il sound sperimentale, contaminato e cupo di Blues Funeral (2012).

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Post più popolari